La nostra storia

Per dare al lettore una corretta visione della nostra storia, non si può non accennare a quanto succedeva nei primi anni del secolo scorso, ossia quando sin dagli inizi del 1900 si parlava nella città di Lugano di andare a “Skiare”.
Nel 1910 lo Ski Club Milano organizzò delle gare di sci sui monti di Lanzo d’Intelvi dove un gran numero di Luganesi vi si recarono per assistere e in alcuni casi partecipare alla competizione.
Nello stesso periodo viene fondato lo “Ski Club Luganese”, che programmava uscite domenicali a Lanzo in zona Cristé. Attività che proseguirono per diversi anni.
Sempre in quel periodo nasceva, in una Lugano vivacissima dal lato sportivo e ricca di personaggi illustri, lo “Sci Club Adula” che proponeva a sua volta tutta una serie di attività interessanti.

Nel 1928 il CAS decide di costituire al suo interno un gruppo “sciatori”, e qui tra i vari promotori troviamo pure Tita Calvi (classe 1907).
Da questo momento in poi, troveremo Tita Calvi sempre in prima fila per tutto ciò che ruota attorno alle attività estive in montagna, ma in particolar modo per le movimentate attività invernali. Iniziano le prime uscite sui monti di Condra, in Capriasca, e quindi sulle pendici del Monte Bar, dove i luganesi benestanti si recavano la domenica facendosi portare gli sci dal fondo della valle in vetta dalle paesane con la gerla al costo di pochi centesimi.

Nel 1932 il CAS organizza i primi corsi per monitori. Nel 1933 si parte con i primi corsi in val Bedretto con la partecipazione di 22 soci sotto la guida esperta del colonnello Bilgeri, padre della “tecnica moderna”. Alla morte di Bilgeri, Tita Calvi, attento allievo e fidato discepolo, ne rileva le funzioni dirigendo i successivi corsi ed iniziando così una preziosa attività a favore dello sci, senza tralasciare naturalmente la sua passione ed amore per la montagna. Nel 1934 furono organizzati dal prof. A. Balmelli e da Tita Calvi i primi corsi di ginnastica “presciatoria” e quindi a seguire i corsi di sci ad Airolo.

Nel 1935 Tita Calvi ottiene il brevetto di “istruttori di sci” e con l’entusiasmo di sempre decide di porre basi più solide e fonda la Scuola Svizzera di Sci Lugano. Questo passo creò una piccola rivoluzione nel mondo dello sci locale e cantonale. Una scuola di città a carattere itinerante, la prima scuola di sci del Cantone, fra le prime dieci in Svizzera. Possiamo così definire che gli anni 1928-1935 furono anni pionieristici, pieni di entusiasmo di voglia di conoscere e di mettersi a disposizione di tutti coloro che volevano avvicinarsi allo sci.
Nel 1936 vengono subito organizzati i primi corsi di sci nella regione di Cadagno, a seguire nella regione del Cristallina ed a Campo Blenio con presenze sempre più numerose fino a raggiungere quota duecento partecipanti.
Tita Calvi, “ul maestro”, Direttore della scuola dal 1940 sino al 1980, ha saputo, con il suo entusiasmo e amore per la montagna, far crescere questa piccola realtà di città portando i suoi frequentatori in località vicine come lontane.
La scuola era attiva in Leventina e val di Blenio, ma non disdegnava località come Andermatt, Arosa, Melchseefrutt, Davos, Zermatt, per fermarsi poi in quel di Davos e adottare la stazione sciistica come base per il futuro delle sue attività.

Dopo aver dato un’impronta forte e una struttura solida, Tita Calvi dopo 40 anni, passa la mano a due suoi fedeli Istruttori, Athos Nesa e Franco Baroncini che ne diventa il Direttore, carica che occuperà fino al 2000, anno in cui gli subentra Claudio Baroncini che rimarrà fino al 2005 e quindi Nedy Sbardella fino al 2012, anno in cui è divenuto direttore Luca Vidotto.

Negli anni ’80 e ’90, con lo sviluppo del Monte Tamaro, la scuola ne approfitta ed installa una sua base da dove organizza corsi per bambini e ragazzi. Un periodo fiorente per le attività della scuola che si rinforza ed ingrandisce.
Da qui la necessità di cambiare struttura organizzativa con l’introduzione del Comitato e della figura del Presidente con l’obiettivo di dividere la parte operativa da quella strategica e amministrativa. La scuola, mantenendo alto il nome che porta, ha saputo adattarsi alle esigenze dettate dai sostanziali cambiamenti ed evoluzioni, come le tecniche, i materiali, l’abbigliamento.
Il numero di istruttori passa, dai 3-4 iniziali, poi 20, alla sessantina di oggi.

Dopo il 2000, La scuola comincia ad essere maggiormente itinerante, e grazie a questo cambiamento oggi porta il suo cliente dalla città alla montagna offrendo comunque e dovunque un insegnamento uniformato ed in linea con le direttive di Swiss Snowsports.
Il desiderio, la passione, l’impegno, la professionalità rimangono quelli di sempre e cioè dare il massimo, dando la possibilità a tutti coloro che lo desiderano di apprezzare e condividere le nostre gioie e le nostre passioni.

Nel 2010 presso il Palazzo dei Congressi cittadino, la scuola ha festeggiato con la presenza di autorità comunali, le altre scuole di sci e snowboard del Cantone, la dirigenza federale e molti istruttori ed amici il suo 75mo di fondazione.

I cinque anni seguenti si sono svolti all’insegna dei cambiamenti e delle novità, e la scuola nel 2015 ha per questo motivo scelto di festeggiare l’ottantesimo in modo differente. Infatti con la realizzazione di “Lugano Snowland, portiamo la neve in piazza”, la scuola si è riproposta di avvicinare i bambini alle attività di scivolamento, sci e snowboard in particolare, portando le neve in città invece di portare i clienti in montagna.

Grazie Tita per aver regalato questa bella realtà ai Luganesi, e grazie ai suoi successori per mantenere sempre alta la voglia di proseguire quanto da lui avviato più di ottant’anni fa.